Chi sono

Silvia Sassi


Ciao, piacere, sono Silvia

E credo sia molto complesso autodefinirsi…

Credo sia più facile raccontarsi attraverso le cose che si amano e forse anche per mezzo di quelle che si odiano.

Odio la noia e la ripetizione.
Odio fare le cose male.
Odio non potermi esprimere, ne soffro proprio.

Amo pensare e riflettere su tutto.
Amo i libri, tanto, tantissimo: porte verso mondi e vite che altrimenti non potrei vivere.
Amo tanto la carta quanto il digitale.
Ho scoperto a 12 anni grazie al mio primo Amiga 500 che cosa si poteva fare con la sola immaginazione, un mouse e una tastiera e da allora non mi sono mai fermata. Ma in un’altra vita avrei potuto avere una cartoleria, di quelle super fornitissime, di quelle magiche, piene di qualsiasi cosa uno possa sognare. La somma dei due mondi credo la abbia trovata nel mio lavoro, dove il tratto è composto da pixel e vettori, dove un’idea prendere forma attraverso un progetto digitale.
Amo viaggiare, scoprire posti e culture lontane, vivere sospesa in un mondo non del tutto mio, riempirmi gli occhi e la memoria di colori, suoni ed odori lontani.
Amo cucinare, passare del tempo a trasformare ingredienti e vivere la magia di una lievitazione o una cottura.
Amo fare, creare cose con le mie mani, forse in contrappunto con il mio lavoro tutto immateriale poter dare vita a qualcosa di concreto mi dà una gioia e una soddisfazione indicibili.

Se volete scoprire qualcosa di più su di me mi trovate qui: